Category Archives: Fr Federico Lombardi

La lettera di una vittima di abuso al sacerdote Papa Francesco in Italiano


La lettera di una vittima di abuso al sacerdote Papa Francesco in Italiano

Note an English Version of this Letter to Pope Francis shall be published in a blog right after this one.

Yeah Pope Francis sure does love his pedophiles.

Yeah Pope Francis sure does love his pedophiles.

Hey Papa Francesco, come ci si sente di annunciare da soli il rappresentante di Gesù e di Dio, mentre la protezione di tutti i pedofili Pimp i Cardinali, gli Arcivescovi, i vescovi e arcivescovi coperta gli stupri di massa e gli abusi dei bambini? Pensi che quello che affermano di rappresentare, Gesù non sarebbe la stessa cosa? Pensi che il Papa Francesco che Gesù ha voluto difendere e proteggere e difendere chi ha fatto questo? Pensi che Gesù li chiamerà Santo?

Il Catechismo della Chiesa Cattolica Romana parla di stupro come segue: PARTE TERZA: LA VITA IN CRISTO; PARTE SECONDA: I DIECI COMANDAMENTI, CAPITOLO DUE: “AMERAI IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO”, ALL’ARTICOLO 6, IL SESTO COMANDAMENTO, i reati contro la castità: 2356 Lo stupro è forzato violazione dell’intimità sessuale di una persona. Non lesioni alla giustizia e alla carità. Stupro ferisce profondamente il rispetto, la libertà e l’integrità fisica e morale di ogni persona ha il diritto.

Credi che il Papa Francesco, che gli stupri e torture di centinaia di migliaia di bambini in tutto il mondo, perpetrati su di loro con la propria dei sacerdoti della Chiesa Cattolica Romana, è in conformità con i dettami del proprio Catechismo, o le parole del vostro Gesù?

Credi che il Papa Francesco, che tutti i bambini e gli adolescenti, che sono state violentate, torturate, ridotto in schiavitù, brutalizzata, utilizzato come esperimenti medici e sterilizzazione forzata, in istituzioni cattoliche, come la Maddalena e Buon Pastore lavanderie industriali, case come Venezia e Bindoon, le donne”s;s e Bambinio’s Case come Taum e la prima nazione industriale nelle scuole, in linea con i dettami del catechismo e Gesù Cristo?

Lei ci aveva chiesto di non troppo tempo fa per accettare le scuse e perdonare voi e la vostra chiesa per quello che è stato fatto per noi. Ma come si può perdonare voi e la vostra chiesa? Per essere perdonato, secondo la bibbia e gli insegnamenti, è necessario pentirsi di tutti i vostri peccati e crimini.

Tuttavia, come pure quelli di noi che sono state violentate e le nostre anime rubato da noi e che si sono suicidati a causa di esso, può dare a lui il perdono, o qualcuno di noi danneggiati, quando si rifiuta di pulire la casa di tutti i Cardinali, i Vescovi e Arcivescovi Metropoliti che coperto questi male crimini, ancora seduto nelle posizioni che sono?

Come Paul Anthony Carson, che dopo aver visto il sacerdote che lo stupro camminare per la strada e poi tornare a casa e appendere stesso, essendo trovato dai suoi genitori, perdonare?

Come Emma Foster, che è stata violentata da Padre Kevin O’Donnell, mentre in una scuola primaria che si sono suicidati perché, perdonare?

Come Daniel Neill, che si sono suicidati a causa del suo stupratore sacerdote, Joseph Gallagher, perdonare?

Come possono i 30 ragazzi violentata nel corso della scuola primaria Sant’Alipio, che si è suicidato lo perdono per i loro stupri?

Come Lou Pirona, Bill Zeller, David M. Jarobe Jr,Kathleen McGonigle, Eric Patterson, Bobby Thompson, Paul Tafolla, Daniel Romney, Gilbert Rodriguez, Eduardo Ramon Boehland, O coloro che per il campanello è suonato 170 volte nella Chiesa del Salvatore sul Wilshire Boulevard, che si sono suicidati negli Stati Uniti, o una qualsiasi delle altre vittime, in tutto il mondo, Che sono state violentate, torturate, brutalizzata dai vostri sacerdoti, religiosi, monache e suore della vostra chiesa, che si è suicidato, perdonare e la vostra chiesa Papa Francesco?

Essi non sono morti, di marciume nelle loro tombe, perché non solo i loro stupri da parte dei sacerdoti e fratelli, della Chiesa Cattolica Romana, ma a causa dei continui attacchi contro di noi le vittime e i superstiti, per la vostra Chiesa, il Cardinali, Vescovi e Arcivescovi, da tali persone dementi come Bill Donohue della Lega Cattolica, E da quelli che siedono nei banchi della Chiesa. Siamo stati bollati come bugiardi, cercatori d’oro in cerca di una paga da la vostra chiesa. Ci è stato detto per non sentire il nostro stupratore di fronte, mentre ci sono stupri, ciò significa che non solo ha voluto essere violentate, per noi è stato un piacere essere violentate e sono gli omosessuali a causa di esso. O che abbiamo conquistato il nostro stupratore. O come uno dei vostri sacerdoti, Padre Richard Ross che ha detto di avere alcuna simpatia per qualsiasi vittima, che non potevano fermare ciò che stava succedendo, e come vorrebbe prendere le vittime in una stanza e batterli con una mazza da baseball per mostrare loro che cosa vero dolore e sofferenza.

Perché noi, o chiunque perdoni Papa Francesco e la chiesa? Perché dovremmo o chiunque perdona tutti i Cardinali, come Timothy Dolan, Donald Wuerl, George Pell, Roger Mahony, Raymond Burke, Bernard Law, O di Arcivescovi e Vescovi, che hanno coperto e protetto questi degenerare gli stupratori, i torturatori e i violentatori di bambini, che li di parrocchia in parrocchia, attraverso le linee statali e internazionali, per evitare di essere scoperti, arrestare e perseguire penalmente?

Come possiamo noi, o perché perdonare tutti, quando si usa la vostra Chiesa gli avvocati, per la lotta contro noi in tutte le fasi del progetto e negare la nostra giustizia, con lo statuto delle limitazioni per il nostro caso respinto quando cerchiamo giustizia per il male i crimini commessi contro di noi, dai vostri sacerdoti e gli altri della Chiesa Cattolica Romana? O i Cardinali, gli Arcivescovi e Vescovi, con i cattolici romani in questa legislatura, di lotta dente e chiodo qualsiasi modifica dello statuto delle limitazioni, o l’apertura di una finestra per le vittime a farsi avanti e chiedere giustizia?

Il Cardinale Timothy Dolan, ha mostrato a noi come la chiesa sente davvero verso di noi, soprattutto quando si cercano giustizia per i crimini commessi contro di noi, la vostra chiesa. Quando New York ha superato il matrimonio tra persone dello stesso sesso, il Cardinale Dolan gridò come si sentiva tradito dallo Stato di New York per farlo. Eppure, nello stesso spirito, egli gridò e disse quanto segue sopra New York vuole cambiare la durata DI UN ANNO di prescrizione contro lo stupro e abusi: Ha dichiarato che ha voluto un anno di prescrizione contro lo stupro a essere mantenuta perché se la chiesa ha citato, “gli autori non soffrono. Non vi è alcun onere. Che cosa soffre sono i servizi e i ministeri dell’apostolato che stiamo facendo ora. Perché dove i soldi? Perciò i vescovi di 30 anni fa che presumibilmente può essere riassegnato i tossicodipendenti, non soffre. Sono morti. Per questo motivo, le persone che soffrono sono coloro che vengono serviti proprio ora dalla chiesa. Riteniamo che un terribilmente ingiusto onere.”

Notare che Papa Francesco? Leggere le sue parole e metta al posto delle vittime. Non una parola sui nostri oneri ingiusti, non una parola sul nostro dolore e della sofferenza. Non una parola circa il male degli orrori che abbiamo dovuto subire a causa della nostra vita, orrori che hanno provocato molti di noi, il suicidio.

E il Cardinale Dolan ha mentito nella sua dichiarazione. La maggior parte di queste Cardinali, Vescovi e Arcivescovi che hanno coperto i crimini contro i bambini, non sono morti, sono ancora vivo, protetto e difeso a tutti i costi la vostra chiesa. Il Cardinale Bernard Law, George Pell, Timothy Dolan, Roger Mahony, Donald Wuerl, e molti altri, sono in realtà ancora viva. Tutti loro hanno partecipato a queste imprese, che hanno partecipato al movimento pericoloso preti pedofili, per evitare il rilevamento e l’arresto per i loro crimini contro noi.

Lei, Santo Padre Francesco, è colpevole di questi stessi crimini. In relazione all’arcivescovo Jozef Wesolowski e altri. Si, il Santo Padre Francesco, era al corrente di ciò che l Arcivescovo Wesolowski aveva fatto per i bambini nella Repubblica Dominicana. Si sapeva che era a pagamento i bambini di strada di avere rapporti sessuali con lui, e di immagini pornografiche. Lei, Santo Padre Francesco, aveva portato in Vaticano a Roma, sapendo che una volta che avete fatto? E’ stato poi protetto sotto l’immunità sovrana del Concilio Vaticano ii, che in tal modo si evita che il suo arresto e la persecuzione penale di lui da parte dei funzionari della Repubblica Dominicana.

Lei, Santo Padre Francesco, sapeva che non era un pericolo per i bambini e gli altri, ma voi non lo mise in una cella nella prigione quando si aveva richiamato in Vaticano.E mentre Wesolowski aveva la sua libertà, per oltre un anno e mezzo, ha continuato i suoi crimini contro i bambini. Ha continuato a pagare i bambini per il sesso, ha continuato a prendere immagini pornografiche e video dei suoi atti criminali contro i bambini, ed è stato dimostrato che alcuni di questi bambini muore una morte orribile a causa di esso.

UN dossier accusa Wesolowski di abuso sessuale dei minori è stato inviato al Santo Padre Francesco “nel mese di luglio” 2013 Santo Domingo il Cardinale Nicolás de Jesús López Rodríguez. Il papa ha trovato le informazioni sufficientemente credibile per chiudere Wesolowski il 21 Agosto tramite lettera riservata. Ma il papa non ha mai riportato Wesolowski alle autorità civili né reso pubbliche le informazioni.

Tutti i prelati devono rendere credibili le accuse pubblico come un avvertimento per evitare il contatto con gli imputati. Inoltre, tutte le altre vittime dovrebbero essere incoraggiati a contattare un’autorità di perseguimento penale forse che l’inchiesta più semplice, di apprensione e di repressione più certe. Il gruppo, rete dei sopravvissuti di tali abusi di sacerdoti (SNAP), definisce l’inosservanza di tali provvedimenti come un “cover up”.

Wesolowski lasciato il paese di fronte a una TV locale programma trasmesso un documentario sul 31 agosto. È stato riportato nel gennaio 2014 che Wesolowski “è ora in grado di vivere a Roma ed è protetto da estradizione dall immunità diplomatica.” “Per me è stata una sorpresa vedere Wesolowski a piedi lungo Via della Scrofa a Roma, “Santo Domingo Vescovo Ausiliare Víctor Masalles twitter il 24 giugno 2014.

Imbarazzato, il Concilio Vaticano ii ha annunciato il 27 giugno che era stato Wesolowski laicized (spretato) “negli ultimi giorni … misure saranno adottate in modo egli è in una precisa posizione limitata, senza alcuna libertà di movimento,” ha detto portavoce vaticano, p. Federico Lombardi, senza specificare in che modo questo possa essere realizzato. La stampa ha riportato questo come prova del papa’s “tolleranza zero” per lo sfruttamento sessuale dei bambini.

22 Novembre 2014: Wesolowski era visto “camminare tranquillamente all’interno della Città del Vaticano…in apparente libertà” e si presume che vi vivono ancora agli arresti domiciliari. Questo ci dimostra che p. Federico Lombardi ha mentito, come di consueto con la Chiesa Cattolica Romana per quanto riguarda i pedofili

Defrocking significa un chierico è cotta senza essere denunciato alla polizia. La sanzione più grave a disposizione del papa scomunica. Papa Francesco scomunica un sacerdote australiano per sostenere le donne del coordinamento e matrimonio tra persone dello stesso sesso. Anche lui scomunicato i leader del gruppo di laici, siamo Chiesa, per celebrare la messa nella loro casa.

Ma, avete escludessimo arcivescovo Jozef Wesolowski, Papa Francesco? No ma non l’ha fatto. È evidente a noi vittime dei crimini della vostra chiesa contro di noi, che troverà un sacerdote dicendo: “le donne dovrebbero essere coordinati tra loro, e chi sostiene matrimonio tra persone dello stesso sesso, o un gruppo di laici di massa nelle loro case, più degni di scomunica, di un pedofilo, che ha pagato i bambini per il sesso, violentate, o posseduto oltre 100.000 bambini immagini pornografiche e video di bambini porno sul proprio computer.

Lei, Santo Padre Francesco, si è rivelato a noi, le vittime e per chi lotta per noi, che si sono appena come il resto. Di proteggere e difendere chi lo stupro dei bambini, invece di stare in piedi per loro, invece di stare in piedi per le vittime. Di proteggere e difendere i pedofili, e il pedofilo, come Papa Emerito Bendict XVI, i Cardinali, gli Arcivescovi e Vescovi che hanno coperto i crimini, ed è come al solito su questo argomento

Il Comitato dell’ONU contro la Tortura “trovato che il gran numero di violenze sessuali all’interno della Chiesa Cattolica sono ammontate a torture e trattamenti crudeli, inumani e degradanti”. Dopo che alcuni funzionari del Vaticano furono chiamati a Ginevra nel maggio 2014. per rispondere a domande difficili come per questo che il papa ritiene che la sua responsabilità per proteggere i bambini contro la tortura applicata solo sul Concilio Vaticano ii, la commissione ha presentato la sua relazione.

I membri “ha ordinato il Vaticano a mano sul file contenente i dettagli di commesso abuso sessuale accuse alle forze di polizia intorno al mondo, … di utilizzare la sua autorità sulla Chiesa Cattolica Romana nel mondo al fine di garantire che tutte le accuse di abusi clericali sono passati alla autorità laiche e di imporre sanzioni “significativa” su qualsiasi i funzionari della Chiesa che non è in grado di farlo.” Con l’eccezione di un paio di in scena eventi PR, il papa ha rifiutato di prendere una qualsiasi di queste misure.

Il Vaticano aveva pubblicato un “Rapporto Preliminare” preparatori per l’audizione. “In nessuna parte della Santa Sede [il nome della Chiesa il governo globale] Relazione Iniziale ai sensi della Convenzione non si fa alcuna menzione della diffusa e sistemica stupri e violenze sessuali perpetrate dal clero Cattolico contro centinaia di migliaia di bambini e adulti vulnerabili nel mondo. Non si parla di atti che hanno portato ad un sorprendente e quantità incalcolabile di danni nel mondo – profonda e duratura sofferenza fisica e mentale – con poca o nessuna responsabilità e l’accesso al ricorso …[T] Concilio Vaticano ii ha sempre minimizzato i danni causati dalle azioni del clero, sia attraverso la diretta sugli atti di violenza sessuale ed i funzionari della Chiesa” le azioni che seguono, come cover-up e vittima di colpa. … La Santa Sede la relazione iniziale di questo comitato è di per sé la prova di minimizzazione di questi reati e i danni.

Il Comitato contro la Tortura relazione è venuto “dopo gli alti funzionari hanno cercato di distanza del Vaticano legalmente dalla grande Chiesa … dicendo: “i sacerdoti non erano legalmente legata al Vaticano ma cadde sotto giurisdizioni nazionali. Ma il comitato insiste sul fatto che i dipendenti della Santa Sede, tra cui rappresentanti del papa nel mondo e i loro collaboratori, hanno la responsabilità di monitorare il comportamento di tutti sotto il loro controllo effettivo”.

Le seguenti facce e dichiarazione risulta, Papa Francesco, che si sono appena come il resto, quando giunge il momento di alzarsi per i pedofili, chi lo stupro dei bambini, dalla chiesa. Come non si prende veramente cura un bit circa le vittime, ma la difesa e la protezione della vostra chiesa e la pedofilia.

Come arcivescovo di Buenos Aires, Jorge Mario Bergoglio “rifiutato di incontrarsi con le vittime, e ha trascorso gran parte di silenzio sulla questione del clero abusi sessuali, ad eccezione di un sorprendente negazione che aveva affrontato un abusivo sacerdote. La sua azione era noto solo alla commissione un dietro le quinte relazione ai giudici che cercavano esonero di penalmente condannato sacerdote dal contesto la credibilità del sacerdote’s vittime.”

Poi, un mese e il giorno dopo che si era eletto Papa, è stato nominato un gruppo di Cardinali, di cui come arrivati C9, per essere il vostro consiglieri più vicini. E chi sono i membri del C9 consulenti?

Il Cardinale George Pell, arcivescovo e creatore del “Melbourne Risposta”, un sistema “progettato per controllare le vittime e proteggere la Chiesa … Pell destinati a ridurre al minimo i crimini, nascondere la verità, manipolare e a intimidire le vittime. … Alcuni parenti dei bambini maltrattati hanno chiesto al cardinale di una “mente psicopatica.” Pell conosce personalmente centinaia di persone coinvolte – le vittime e le loro famiglie, nonché gli autori. … Era un autorità ad alto livello nella Chiesa Cattolica quando la corte ha iniziato negli anni 1990 e le prime Cattolica figura in Australia fino a quando entrava a Roma. … [H]e è stato il leader di un sistema che tutela i reo e non innocenti. … [H]e l’uomo fu in carica nel corso di molti anni di questo scandalo. Egli, pertanto, può essere ritenuto responsabile e responsabile.”

Il Cardinale Francisco Javier Errazuriz Ossa: Errazuriz nazionale aveva fatto notizia per proteggere p. Fernando Karadima, la “peggior scandalo” della Chiesa cilena. “Power è il vero punto del caso. [Degli abusi sessuali contro i bambini] non sono possibili senza una rete di politici, sociali e religiosi potenza operante per 50 anni”, ha dichiarato analista politico Ascanio Cavallo, preside della scuola di giornalismo dell’Università Adolfo Ibáñez. I funzionari della Chiesa avevano avvertito già nel 1984 circa Karadima “comportamenti scorretti.” Il primo noto per raggiungere Errazuriz erano nel 2003. Nel 2006, un sacerdote nominato dalla Errázuriz allo scopo di studiare i reclami segnalati al cardinale che egli credeva “gli accusatori a essere credibile. Secondo la corte testimonianza civile nel 2011 in una denuncia presentata contro Karadima, i funzionari della Chiesa, tra cui Errázuriz, ha cercato di vergogna accusatori in caduta rivendicazioni, rifiutato di incontrarsi con loro e non è riuscito a effettuare indagini formali per anni. UN giudice ha respinto la causa penale contro Karadima nel novembre 2011. perché lo statuto delle limitazioni erano scaduti ma anche determinato che le accuse erano “veritiero e affidabile.

E quando Papa Francesco nominato Errázuriz al C9 consulenti, una delle vittime ha dichiarato che questo appuntamento: “un peccato e una vergogna.” Il 15 settembre 2013, Errázuriz detto che l’arcidiocesi non aveva la competenza per la loro “grande dolore”

Sì, il Santo Padre Francesco, ancora una volta, non abbiamo dalla bocca di uno dei propri consulenti, che coperto di preti pedofili, che la vostra chiesa non ha alcuna responsabilità per la loro enorme dolore.” Ma, Papa Francesco, che è poi la responsabilità per l’enorme dolore e sofferenza, di oneri ingiusti e l’orrore le vittime di stupri commessi contro di loro dai sacerdoti della Chiesa Cattolica Romana? È che le stesse vittime? Perché sembra che quando si tratta di questa vostra chiesa.

Quindi Papa Francesco, quando il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC)richiesto, per informazioni dettagliate su tutti i casi di abusi sessuali su bambini commessi da membri del clero, religiosi o nun” per gli ultimi quindici anni e 1 novembre come un termine per la risposta. Le domande sono state inviate per la preparazione di un audizione pubblica prevista per il mese di gennaio. Che cosa dire e fare di questa richiesta?

Primo, un po’ di storia. Come uno dei firmatari della Convenzione sui Diritti del Bambino del 1989, la Chiesa è stata quindici anni di ritardo nella consegna di un report che descrive se avesse agito per “proteggere il fanciullo contro ogni forma di violenza fisica o psichica” come la convenzione richiede. Inoltre, il questionario ha cercato di stabilire se “gli autori dei reati a sfondo sessuale” è stato permesso di rimanere in contatto con i bambini, che un’azione legale contro di loro e se segnalazione di presunto abuso è obbligatoria. Esso ha anche incluso le query di sostegno per le vittime e gli incidenti in cui i ricorrenti erano stati ridotti al silenzio.

E qual è stata la tua risposta e il Sant’Uffizio per questo? Lei, Santo Padre Francesco e il Vaticano warnedthat potrebbe tirare fuori della Convenzione sui Diritti del Bambino, se spinto troppo duro sulla questione. In una relazione del proprio pubblicato sul sito web DELLE NAZIONI UNITE lo scorso ottobre, la Santa Sede ha ricordato il CRC delle riserve sulla giurisdizione legale e altre questioni, in quando ha firmato il patto globale. Ha detto i nuovi “interpretazione” dare motivi “per la cessazione o revoca” dal trattato.

E poi che cosa ha fatto Papa Francesco? Il 11 luglio 2013, il pontefice ha emanato una legge civile criminalizzare le perdite del Vaticano informazioni per la stampa e la violenza sessuale contro i bambini, compresa la pornografia infantile. I crimini sono punibili con un massimo di otto e dodici anni di carcere, rispettivamente. La legge applicabile all’interno dello Stato della Città del Vaticano e per i dipendenti della Santa Sede nella sua proprietà extraterritoriale e ambasciate.

Come hai fatto a rispondere al CRC Papa Francesco? Il 4 dicembre, il che indica che non è stata la pratica del suo governo di “fornire informazioni in merito ai casi specifici a meno che non venga richiesto da un altro paese come parte di un’azione legale” e “che il Vaticano può fornire informazioni solo sulle note e sui presunti crimini sessuali che hanno avvenuto in Vaticano.”

Quindi Papa Francesco, come un affronto alle facce delle vittime, che cosa ha fatto? Il 16 gennaio 2014, giorno in cui il CRC delle audizioni sono state per iniziare a Ginevra, Papa Francesco ha dimostrato ancora il disprezzo per le vittime della vostra Chiesa per celebrare la messa, seguita da un incontro privato, con il Cardinale Roger Mahony, arcivescovo emerito di Los Angeles. Il Washington Post (tra gli altri) aveva condannato Mahony noto per proteggere i tossicodipendenti, affermando che egli’s “fortunato a non essere in prigione” e che “il suo costante rilievo riflette la cultura dell’impunità nella Chiesa Cattolica un decennio dopo la sua tolleranza e la complicità della violenza contro i minori è stato esposto. “Dopo il colloquio privato con lei, Mahony blog “il tema dello scandalo non è venuto.”

Lo stesso giorno, Lombardi ha detto che la Chiesa ha sviluppato “una serie di iniziative e direttive”, che sono “molto utili” con le altre comunità. Egli ha anche criticato l’ipotesi che i vescovi o i superiori dei religiosi e delle religiose agire come rappresentanti o delegati del Papa.” Egli ha detto questa credenza è “assolutamente priva di fondamento.” Invece, le autorità civili dei paesi che hanno firmato la convenzione DELLE NAZIONI UNITE è direttamente responsabile della sua attuazione e per l’esecuzione delle leggi che tutelano i bambini.

Il panel ONU Vaticano ha chiesto ai rappresentanti di risposte alle domande che essi avevano inviato in luglio. Mentre i media americani sbandierano una dichiarazione fatta da uno dei funzionari del Vaticano che egli “viene”, la stampa estera non era troppo servile:
Germania Deutsche Welle: Vaticano risposta ;non odore test per la gente comune;
Venezuela, El Nacional: il Vaticano all’ONU oggi eluso con informazioni dettagliate su questioni relative all’abuso sessuale di minori da parte del clero in un esercizio retorico che tenta di dimostrare di avere la determinazione di impedire nuovi reati
Spagna, El Pais: il Vaticano ancora non si assume nessuna responsabilità per gli abusi sessuali

4. BishopAccountability.org notato quattro momenti significativi dell’audizione:
1. Per la prima volta, il Concilio Vaticano ii ha dovuto ammettere pubblicamente che ancora non prevedono l’indicazione di crimini sessuali alle autorità civili. Non fare questo passo quando i sacerdoti sono spretato.
2. La Santa Sede ha rifiutato di fornire i dati richiesti il 1º luglio.
3. Il Vaticano ritiene che l’obbligo del singolo autore e non la Chiesa, per risarcire le vittime
4. Gli ordini religiosi, che comprendono un terzo a metà del mondo&# 039 ;s Catholic chierici, ancora non sono costretti dalla Santa Sede a creare politiche abuso. (Papa Benedetto XVI ha ordinato i vescovi del mondo per farlo a partire dal 2011. L’ordine è stato ampiamente ignorato, anche dal cardinale arcivescovo di Buenos Aires, Jorge Mario Bergoglio.)

Quindi, il Santo Padre Francesco, ora mostrano come il Vaticano, te stesso e per gli altri bocchini per la vostra chiesa, ha svolto il guardare da un’altra parte gioco di sotterfugi e inganni. Di biasimare gli altri, dicendo: “ehi, guarda che cosa stanno facendo, perché con noi?

Delegato Vaticano alle NAZIONI UNITE, Arcivescovo Silvano Tomasi, ha risposto in un’intervista “Allo stesso tempo dobbiamo tenere in mente che anche se ci sono tanti milioni, quaranta milioni di casi di abuso di un anno per quanto riguarda i bambini, purtroppo in alcuni casi riguardano anche il personale.” Tomasi ha inoltre suggerito che il comitato DELLE NAZIONI UNITE potrebbe essere stato influenzato da “alcune ONG che supportano l’omosessualità, matrimonio tra omosessuali e altre questioni probabilmente ha presentato le proprie opinioni e rinforzo alla fine [il comitato] linea di pensiero in qualche modo.”

E poi è venuto fuori con questa dichiarazione Papa Francesco, sapendo che era una menzogna, perché la chiesa è stata tutt’altro che si muove con trasparenza e responsabilità. Il solo organizzativa, il Concilio Vaticano ii e la Chiesa Cattolica Romana ha dimostrato con le vostre azioni, è che si sta per proteggere la vostra chiesa a tutti i costi.

Il 5 marzo, nel 2014, il Papa, ha affermato che, per quanto riguarda la tortura sessuale dei bambini, “Le statistiche sul fenomeno della violenza contro i bambini sono sconvolgenti, ma anche dimostrano chiaramente che la grande maggioranza degli abusi provengono dal proprio ambiente familiare e da persone che sono vicino. La Chiesa Cattolica è forse l’unico ente pubblico che si muove con trasparenza e responsabilità. Nessun altro ha fatto di più. E ancora, la Chiesa è l’unico essere attaccati”.

Se le parole del Santo Padre Francesco e il resto erano verità? Quindi queste persone come il Cardinale Bernard Law, George Pell Timothy Dolan, Roger Mahony, Donald Wuerl e agli altri che lo hanno coperto questi crimini contro i bambini, che hanno contribuito a perpetuare questi crimini contro i bambini, che hanno protetto i pedofili sui figli, sarebbe stato scomunicato e alle autorità di perseguimento penale.

Se le parole del Santo Padre Francesco erano verità, quindi non vi ha ricordato l’arcivescovo Jozef Wesolowski nuovamente in Vaticano, in modo che egli potesse essere protetta da parte delle autorità della Repubblica Dominicana. Si avrebbe girato su di lui per la repressione dei crimini contro i bambini che ha commesso, invece di permettere che lui immunità sovrana per portarlo al Vaticano per essere protetti.

Se le tue parole sono verità, il Santo Padre Francesco, quindi non sarebbe possibile avere caricato il vostro C9 comitato consultivo con pedofili noti magnaccia, come George Pell e altri, contro il quale, non ci sono prove schiaccianti contro di loro hanno partecipato alla copertura di stupri e gli abusi di bambini.

Se le tue parole sono verità Papa Francesco, quindi la chiesa NON sarebbe negare alle vittime di questi crimini giustizia. La chiesa e gli avvocati di acquistare NON sarebbe ci nega le vittime giustizia utilizzando i termini di prescrizione contro di noi. Né contro qualsiasi modifica dello statuto delle limitazioni, o l’apertura di una finestra per le vittime a farsi avanti e chiedere giustizia per i crimini commessi contro di noi.

Se le tue parole sono verità Papa Francesco, non si sarà in grado di garantire che le vittime, di essere vittime, dagli attacchi fatto contro di noi.

NON sarebbe possibile che Bill Donohue, della Catholic League di attaccare noi vittime come lui, ci offende, demonizzare, diffamare. Tutto il male che ha detto contro di noi vittime, è uno che merita scomunica. Lei, Santo Padre Francesco, si chiama Bill Donohue, per la sua proclamazione come vittime sono niente ma bugiardi, cercatori d’oro, alla ricerca di un giorno di paga della chiesa. Per il suo confronto l’orrore, il terrore, la sofferenza e il dolore di noi vittime, che sono state brutalmente violentate, dei vostri sacerdoti, non solo dei nostri corpi, ma delle nostre anime, le nostre menti e i nostri cuori, per il suo essere uno schiaffo sul polso da una suora quando ha agito.

Per la sua menzogna sulla vittima, prclaiming lui come parte di un farmaco pista omicidio, come il dipartimento di polizia oggetto, quando la vittima, infatti, ha testimoniato in un farmaco omicidio, mettendo la sua vita a grandi rischi in questo modo. E a causa di Bill Donohue le azioni e le parole, che vittima ora è in pericolo di vita, dopo aver ricevuto minacce di morte e altre minacce, nonché essere battuti per la sua difesa e fa bene a testimoniare in un farmaco pista omicidio. La vittima è ora citano Bill Donohue e la Lega Cattolica per diffamazione e altre azioni civili e ancora, il Papa Francesco non è mai intervenuto per porre fine a Bill Donohue e i suoi attacchi contro le vittime del sacerdote lo stupro.

Se si stava parlando la verità Papa Francesco, poi, quando i Comitati delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, e per la tortura, ha chiesto alla Santa Sede di abolire il segreto pontificio per le accuse di abusi sessuali su bambini, e al fine di diritto canonico obbligatoria la comunicazione all’autorità civile. Poi nel settembre del 2014, non si ha respinto la richiesta e gli ho detto che è fatto per motivi che le segnalazioni obbligatorie potrebbe interferire con la sovranità degli Stati indipendenti. Obbligo di segnalazione interferire con tale sovranità se una legge statale vietata reporting del clero abuso sessuale dei bambini alla polizia. Lo Stato non esiste.

Ma il Vaticano … illustra la sua reale intenzione di interferire nella sovranità degli Stati indipendenti, vietando reporting una volta procedimenti canonici, anche quando la legge civile richiede la comunicazione.

De facto il privilegio del clero con l’uso di segretezza, rendendo clero immune da procedimenti giudiziari civili per lo sfruttamento sessuale dei bambini, è stato istituito nel 1922 dal Papa Pio XI, ed è stato proseguito e ampliato da cinque dei suoi successori. Purtroppo, sembra che lei, Santo Padre Francesco hanno dato ogni indicazione di aggiunta alla lista, come il settimo papa.

Se si stava parlando la verità, il Santo Padre Francesco, quindi non sarebbe possibile avere nominato Juan Barros Madrid, Vescovo di Osorno, Cile. Non ottenere il suggerimento, il Papa Francesco, che il giorno in cui Barros è stato installato come Vescovo, tra polizia e centinaia di parrocchiani, vestito di nero di lutto denunciato Barros, che tutti sapevano che Barros aveva fatto e invece di sostenere lui, non si dovrebbe mai avere in lui un Vescovo?

Se si sta parlando verità Papa Francesco, quindi perché si ignora l Arcivescovo Chomali? Sappiamo, in un’intervista pubblicata 26 marzo, l’Arcivescovo di Concepcion descritti i dettagli di un incontro che ha avuto con Papa Francesco il 6 marzo. “Arcivescovo Chomali ha spiegato che egli donò al Papa Francesco “documenti con informazioni dettagliate sulle conseguenze della nomina aveva fatto. Tutta la documentazione che ho citato a lui, sia attraverso la nunziatura apostolica o l’ambasciata cilena presso la Santa Sede. È stato molto aggiornato sul Vescovo Barros” situazione, e di fatto a pochi giorni prima aveva parlato con lui. Con fermezza e convinzione mi disse che aveva analizzato tutti i dati relativi al passato e che non vi era alcuna ragione obiettiva che il Vescovo Barros non deve essere installato come vescovo diocesano.”

No, Papa Francesco, non dire la verità, per la le azioni parlano più delle parole. Si parla un buon PR parlare, ma le altre parole e azioni non corrispondono con il PR che vi inviamo. Sì, il Santo Padre Francesco, sono di fatto, chiamando a due facce, bugiardo e ciarlatano. Dico la verità quando dico questo. Qualcosa voi e il resto del pedofilo, non può iniziare anche a fare.

Lei, Santo Padre Francesco, mi fanno schifo insieme a tutti i pedofili Pimp Papi, Cardinali, Vescovi e Arcivescovi. Per voi sono come tutti loro, che sono un degenerato in mio libro, si sono responsabili per gli stupri, torture, schiavitù, abusi e altri crimini contro i bambini, come tutto il resto. Lei, Santo Padre Francesco, sono santo uomo di Dio, e non è neanche un rappresentante di Gesù Cristo sulla terra. Si sono ammalati e ritorto, è una, come un criminale come tutto il resto dei colleghi pedofili sfruttatori.

Si, il Santo Padre Francesco sono una delle più basse forme di vita sul pianeta. Anche il contenuto di un dependance è più di quanto voi, e merita molto di più rispetto al boot. Proteggi il tuo culto dei pedofili pedofili e sfruttatori, come il resto di loro.

Non è santo uomo di Dio, voi, insieme a Papa Benedetto XVI, emerito, O i seguenti Cardinali: Adam Maida, Agostino Vallini, Angelo Scola, Angelo Sodano, Anthony Bevilacqua, Bernard Law, Dominik Duka, Donald Wuerl, Franc Rode, Francis George, Francisco Javier Errazurtz Ossa, George Pell, Humberto Mederios, John Cody, John Krol, Joseph Bernardin, Juan Cipriani, Justin Rigali, Keith O’Brien, Leonardo Sandri, Marc Ouellet, Norberto Rivera, Oscar Andres Rodriguez Maradiaga, Partick O’Malley, Peter Turkson, Raymond Burke, Richard Cushing, Roger Mahony, Sean Brady, Silvio Oddi, Tarcisio Bertone, Thomas Winning, Timothy Dolan, Vinko Puljic, Wilfred Fox Napier, William Levada, Hans Hermann Groer, Dario Castrillon Hoyos, Francis Spellman, Francisco Javier Errazuriz Ossa, Ricardo Ezzati Andrello, Luis Antonio Tagle, Eduardo Martínez Somalo, Desmond Connell, E molti altr; Gli Arcivescovi: Andre Richard, Anthony Sablan, Charles J Chaput, Denis Hart, Diarmuid Martin, Ernest Leger, Frank Little, Gerhard Ludwig Muller, Harry Flynn, Jerome Hanus, Jerome Listecki, John Charles McQuaid, John Clay Neinstedt, John Meyers, John Roach, Jose Horacio Gomez, Josef Wesolowski, Luciano Storero, Mario Conti, Peter Gerety, Peter Sartain, Pio Laghi, Rembert Weakland, Ricardo Ezzati Andrello, Robert Carlson, Silvano Tomasi, Theodore McCarrick, Valery Vienneau, William Cousins, Urban J. Vehr, Blase Cupich, Paul Richard Gallagher, José Luis Mollaghan, Francisco Javier Martínez, E molti altr; E i seguenti vescovi: A.J. Quinn, Andrew Cozzens, Anthony O’Connell, Antonio Sarto, Bill Wright, Carl Mengeling, Christopher Foster, David M O’Connell, David Zubik, Donald Kettler, Edward Cullen, Eugene Laroque, Gabino Miranda, George H. Guilfoyle, George Leo Thomas, Gerard Frey, Henry Kennedy, Howard Hubbard, James Garland, James Hoeppner, James Kavanagh, James Murray, James Timlin, John B McCormack, John Doerfler, John Magee, Joseph Cistone, Joseph Devine, Joseph Imesch, Joseph V Adamec, Kieran Thomas Conry, Kenneth Povish, Laurence Glenn, Leo Clarke, Louis E. Gelineau, Marco Antonio Ordenes, Michael Bransfield, Michael Jarrell, Michael John Brown, Michael Malone, Patrick Cooney, Patrick Cotter, Peter Conners, Raphael Michael Fliss, Raymond Lahey, Richard Sklba, Robert C. Evans, Robert E. Mulvee, Robert Finn, Robert Rose, Rogello Livieres, Seamus Hegarty, Thomas Curry, Thomas Daily, Thomas J. Tobin, Vincent Leonard, William Lynn, Wilton Gregory, Wojeciech Polak, Pierre Pican, Willie Walsh, William Murphy, Daniel Patrick Reilly, Ronald Mulkearns, Juan Barros Madrid, Gabino Miranda Melgarejo, Arturo Mandin Bastes, Jozef De Kesel, Rogelio Livieres, Christopher Coyne, Ronald Gainer, John Doerfler, Brendan Comiskey, Donal Murray, Jim Moriarty, Raphoe Philip Boyce, Dermot O’ Mahony, Edward Daly, Seamus Hegarty, Eamon Casey, Joseph Duffy, Daniel A. Cronin, E molti altr……… Voi tutti colpevoli di crimini contro l’umanità e per i bambini di tutto il mondo.

Lei, Santo Padre Francesco, Papa Emerito Benedetto XVI, tutti i suddetti Cardinali, Vescovi e Arcivescovi, colpevoli, davanti al vostro Dio e Gesù Cristo, che voi proclamate a seguire, da rappresentanti di questa terra, attraverso la Chiesa Cattolica Romana, di efferati crimini contro i bambini di tutto il mondo.

Lei, Santo Padre Francesco ci chiede di perdonare. Perché mai si dovrebbe? Perché qualcuno dovrebbe perdonare voi o la vostra chiesa e ciò che tutti voi avete fatto?

NESSUNO DI VOI SONO VERAMENTE PENTITO DI TUTTI I CRIMINI E I MALI VOI E LA VOSTRA CHIESA HA FATTO CONTRO DI NOI!!!!QUINDI, NON SI PUÒ, E NEPPURE IL PROPRIO DIO E GESÙ CRISTO perdona, A MENO CHE L’UTENTE VERAMENTE E sinceramente pentiti DI TUTTO QUESTO MALE CHE AVETE FATTO PER I BAMBINI, NEL CORSO DEI SECOLI DI QUELLO CHE AVETE FATTO PER LORO. PER ESSERE perdonato, così fate anche voi DEVONO PENTIRSI, VISTO CHE NON L’HANNO FATTO, NON HA DIRITTO DI CHIEDERE A CHI DI NOI NON PERDONO…..LE VITTIME CHE HANNO ATTRAVERSATO QUESTO ORRORE, NÉ IL SUO DIO E GESÙ CHE TUTTI PROCLAMANO DI ESSERE RAPPRESENTANTI DI!!!

Papa Francesco, proclamare di rappresentare sulla terra, come Vicario di Cristo, allora la sua parola vale molto di più a voi e il resto del Cardinali, Arcivescovi e Vescovi, ancor più di quanto non vale anche per il resto di noi. Per VOI si suppone di essere santi uomini di dio, e i responsabili di ciò che si proclamano l’unica vera chiesa di Gesù Cristo.

Beh, quella di annunciare a rappresentare, Papa Francesco, Gesù ha detto nella bibbia, il libro CHE tutti proclamano di essere la vera parola del vero Dio, il seguente:Marco 9:42:42 “chiunque scandalizzerà uno di questi piccoli che credono, sarebbe stato meglio per lui, con una pesante macina appesa al collo, era stato gettato in mare. E in Luca 17, 1-2: 1 Egli disse ai suoi discepoli: “è inevitabile che gli ostacoli, ma guai a colui per colpa del quale avviene lo scandalo! 2 “sarebbe meglio per lui che gli si metta una macina appesa al collo e venga gettato nel mare, piuttosto che uno di questi piccoli.

Sembra che, il Santo Padre Francesco, che voi e il resto del pedofilo papponi dovrebbe investire in una società che rende forte e robusta corda e fa un sacco di macine in pietra. Se io fossi in te? Vorrei iniziare a unire le corde intorno al collo e collegamento a macine e trovare una grande porzione di mare per lanciare i vostri corpi. Che deve essere molto meglio di avere a che fare con quelli che si proclamano di rappresentare Gesù Cristo è per le vostre anime una volta davanti a lui a mio parere.

In chiusura il Papa Francesco, perché noi che sono state violentate, torturate, brutalizzata, ridotto in schiavitù, e distrutti dalla vostra chiesa e la sua i pedofili e i tossicodipendenti, hanno il coraggio di dire apertamente contro tutti i crimini commessi contro di noi e chiedere giustizia, siamo bollati come bigotti, odiatori, e peggio ancora. Ci è stato detto, ancora una volta, perché non osiamo parlare, che tutti noi siamo legati per l’inferno.

Molti di noi hanno già fatto il nostro tempo all’inferno se Papa Francesco. I nostri dolori e le sofferenze, i nostri incubi, i nostri orrori ci hanno inviato all’inferno e non pochi di noi sono venuti dall’altra parte, molto più forte, che le vittime si erano una volta. Ci sono attualmente I SUPERSTITI.

Sebbene alcuni di noi non ha, il nostro dolore e sofferenza, orrore e proseguire il trattamento del male contro di noi, la Chiesa Cattolica Romana, alcuni di essi a soffiare le cervella, o farsi impiccare, o suicidio in altri modi.

E alcuni sono ancora nascosti nell’ombra, ha paura di uscire e parlare, circa i crimini commessi contro di loro, per i sacerdoti, fratelli, suore e sorelle e tutti gli altri della vostra chiesa. Chi ancora tace, perché avete paura, si temono gli stupratori e la mente le torture cui sono stati posti da loro, mentre essi erano violentate e brutalizzata, realizzare questo Papa Francesco!!!

Abbiamo il forte superstiti sono MOLTI. Noi non abbiamo paura, né la chiesa, né i Cardinali, gli Arcivescovi e Vescovi. Noi non abbiamo paura del pew lucidatrici, che insultano e offendono e ci minacciano. Noi non abbiamo paura Bill Donohue della Lega Cattolica o chiunque altro si attacca.

Dobbiamo insistere e parlare, che si terrà a tutti voi i vostri crimini. Avremo occasione di parlare ed esporre ovunque andiamo, quando siamo chiamati a farlo. Ci batteremo per le vittime, che sono ancora, ancora troppo aver paura di parlare. Dobbiamo difenderli, noi, contro di voi e gli altri dirigenti e tutti coloro che attaccano e difendono la chiesa per tutti i crimini commessi contro di noi.

Continueremo a chiedere giustizia. Continueremo a chiedere l’arresto e l’azione penale nei confronti di tutti e di ciascuno di voi, che coperto questi crimini contro di noi, che protetto e difeso i pedofili, gli autori di noi, e vinceremo contro di voi tutti. Non si può pensare, si potrebbe pensare che la Chiesa Cattolica Romana è intoccabile, che non si possono fare tutti i crimini contro l’umanità e per i bambini di tutto il mondo.

In un certo senso, si potrebbe essere giusto, che non c’è giustizia sistema sarà in grado di farci pagare per i crimini, ma che è, di fatto cambiando e credo che presto le Nazioni Unite possano far sentire la loro voce e sarà perseguibile da parte loro.

Ma poi, un giorno, si dovrà stare davanti al giudice ULTIMO, quelli che tutti proclamano a seguire e rappresentare su questo piano di esistenza. E credo che quando si? Sono sicuro che lei aveva legato una enorme macina intorno al collo e gettato voi stessi nel profondo del mare, rispetto al pene si affaccia davanti al giudice si chiama Dio e Gesù Cristo.

CREDO, che vi mostrerà più misericordia, inviando direttamente al 9° livello di Dante Inferno, a tutti voi in noi, i sopravvissuti del male, il codice di procedura penale culto della pedofilia, preti pedofili, le Suore e tutti abusivi il parrocchiano Pew Lucidatrici della Chiesa Cattolica Romana

Advertisements

Gerald T. Slevin, Update–Criminal Charges of Vatican Child Abuse Cover-Up


From the link: http://bilgrimage.blogspot.com/2012/04/gerald-t-slevin-update-criminal-charges.html

Gerald T. Slevin, Update–Criminal Charges of Vatican Child Abuse Cover-Up

Monday, April 16, 2012

Jerry Slevin continues to be vigilant about what’s happening with Catholic church officials and the child abuse cover-up, from a legal standpoint.  He has just sent another outstanding statement, this one about SNAP’s filing last week of new charges updating their previous filing of criminal charges against the Vatican with the International Criminal Court, for the Vatican’s internationally orchestrated cover-up of sexual abuse of minors by Catholic clergy.
Here’s Jerry’s statement:
SNAP, the international victims advocacy network, filed on April 11, 2012 with the International Criminal Court (ICC) a 19 page letter (“New Charges”), plus supporting documentation, updating  SNAP’s  prior September  2011  original  charges ( “Original Charges”).
The New Charges, include additional evidence supporting SNAP’s allegations against Pope Benedict XVI (Joseph Ratzinger) and three top Vatican subordinates, Cardinals Bertone, Levada and Sodano. SNAP alleges this Vatican clique for years has been, and still is, orchestrating a worldwide criminal cover-up by Catholic bishops of  priest child sexual abuse, including acts involving  systemic rape, sexual violence and torture, of hundreds of thousands of defenseless children. These collectively would constitute “crimes against  humanity” under the ICC treaty.
After SNAP filed the Original Charges, almost 500 additional victims from over 60 countries contacted SNAP with new allegations that SNAP has added to the Original Charges. The New Charges (accessible by clicking here) also contain brief and clear updates, with citation links, concerning other recent relevant developments since the Original Charges, including:
(1) September 2011: The issuance of the scathing and devasting report, “In Plain Sight”, by Amnesty International Ireland, concerning the recent  history of priest sexual abuse of children  in Ireland and of the Irish government’s “hands off” approach until recently  to the Catholic Church hierarchy’s and priests’ appalling misdeeds;
(2) October 2011: The indictment of Cardinal Justin Rigali’s protégé, Opus Dei Bishop Robert Finn of Kansas City, for failing to report a child pornographer priest, and the April 5, 2012 court decision denying Finn’s motion to dismiss the criminal charges;
(3) November and December 2011: The issuance in Ireland of the sordid remainder of the Cloyne Diocese Report and the results of governmental audits in six additional Irish dioceses, all confirming in varying degrees a familiar pattern of abuse and bishops’ cover-up;
(4) December 2011: The issuance in the Netherlands of the massive Deetman report indicating tens of thousands of Dutch children had been sexually abused by priests over several  decades, supplemented by reports of several children being castrated following their reporting that they were sexually abused by clerics;
(5) January 2012: The publication of several articles highlighting the escalating  reporting of priest abuse of children in Poland and the special difficulty of getting governmental officials to confront the entrenched Polish Catholic hierarchy on priest abuse issues;
(6) March 2012: The publication by a former Legion of Christ priest of evidence of special canon law favoritism by the Pope and Cardinal Bertone towards admitted sexual deviant, Fr. Maciel, of Mexico;
(7) March-April 2012: The unprecedented ongoing  Philly criminal trial of a former top aide to Cardinals Bevilacqua and Rigali and the almost daily revelations of a decades-old cover-up, including document shredding by bishops and another  bishop’s admission under oath that  the important priest personnel decisions were always made by the Cardinals. The trial is establishing that a similar cover-up pattern was followed over a half-century by three different Cardinals with episcopal experience from five dioceses in four states, as well as in Rome. Each of the three Cardinals had close ties to the Vatican. The common cover-up pattern is indicative of at least policy coordination with Rome and, in some instances even, of direct coordination, as SNAP has alleged to the ICC generally with respect to the Vatican clique. This is discussed in more detail in my April 13, 2012 article about the Philly trial, accessible here.
(8) February-April: In New York, District Attorneys in the State Capitol, Albany, area have banded together to tighten up significantly the handling of claims of child sexual abuse by priests. In Milwaukee, a Federal bankruptcy judge has to date ruled against releasing massive records relating to priest child abuse in the Milwaukee Archdiocese. Generally, the US bishops’ latest annual report confirms a rise in overall priest child sexual abuse claims, including some  additional new claims, as well as the continued failure of some bishops to follow even the weak US bishops’ child protection guidelines.
In addition to the foregoing, the New Charges also spell out clearly the long standing directives to the bishops from the Vatican to resist adopting mandates that Catholic bishops must promptly report priest child abuse claims to the police.
Finally, the New Charges crisply summarize the effort of senior US bishops and their highly paid apologists and attorneys to retaliate against SNAP, apparently for filing criminal charges against the Vatican clique with the ICC. The recent appointment of a woman and a mother as the new ICC lead prosecutor may be giving the Vatican clique some sleepless nights about SNAP’s ICC case. The New Charges will likely only increase the retaliatory efforts against SNAP.
The protections from prosecution  surrounding the pope have been extensive to date, but they may eventually prove to have been in vain. The pope runs a tight ship, perhaps a throwback to his teenage German military service in the dangerous days at the end of World War II. For more infomation on this, please read the comments under, “An Opportunistic Pope,” “The Pope at the Masters” and “Kids, Women and Bishops Beware,” accessible by clicking here.
The International Criminal Court, or the ICC, is structurally independent of the United Nations and the World Court, and was established as a permanent tribunal at the Hague, Netherlands, a decade ago by an international treaty now ratified by over 120 nations that are annually assessed to support the ICC’s staff of over 500 professionals, as described here.
The ICC’s  special focus is on handling crimes against humanity, genocide and war crimes that, for various reasons, cannot readily be tried elsewhere, as in this case involving the Vatican. Given the geographical and chronological scope of the Vatican clique’s alleged crimes against humanity, there appears to be clear ICC juridiction over the Vatican clique if the ICC prosecutor decides to pursue the criminal case fully. Decisions to pursue criminal prosecutions frequently take a long period to evaluate, given the voluminous facts and documents, etc., sometimes taking over a year just for the decision to prosecute.
A new lead ICC prosecutor, Fatou Bensouda, presently Deputy Prosecutor, takes office  in a few weeks. She has been an advocate on behalf of African victims of violence, including those in Rwanda, and is a mother with two sons, one of whom reportedly  lives currently in the United States.  For more on Mrs. Bensouda, please see this recent Irish Times article.
Ironically, as the pope is increasingly engaged in a war against women’s rights  as part of his US efforts to replace Barack Obama, the pope’s fate may now be decided initially by a woman ICC prosecutor in a case led by a woman, Pam Spees, a no-nonsense and very competent international human rights attorney, with her excellent professional colleagues and experienced staff at SNAP’s legal advocates, the Center For Constitutional Rights, an exceptionally successful and highly regarded human rights advocacy group based in New York City and described more fully here.
For 300 years, the early Church generally prospered and grew under and obeyed  Roman law applicable to all Romans, including bishops. For most of the next 1,700 years after Constantine’s virtual takover of the Church hierarchy, the imperial Church hierarchy have mostly made their own rules as an unaccountable hierarchical monarchy and frequent player in European power politics. The power politics ended substantively in 1870  when the Papal States were lost to Italian populists, but the pope still clings to the fantasy that the Vatican is a sovereign nation and player yet in power politics. Of course, the hierarchy has personally benefited, and continues to benefit, greatly from the monarchical structure, which is mainly why it  fights so fiercely to maintain its power and wealth.
Almost 150 years later, the pope is still resisting becoming accountable to the international rule of law that applies to almost all other world leaders and nations. The ICC  and European financial regulators will likely soon change that permanently.

Cross-posted on Open Tabernacle, 16 April 2012.

The Roman Catholic Catechism on Rape


The Catechism offers a clear moral teaching: “Rape is the forcible violation of the sexual intimacy of another person. It does injury to justice and charity. Rape deeply wounds the respect, freedom, and physical and moral integrity to which every person has a right. It causes grave damage that can mark the victim for life. It is always an intrinsically evil act. Graver still is the rape of children committed by parents (incest) or those responsible for the education of the children entrusted to them.” (no. 2356)

 

Pope Benedict XVI: Leader of the RCC and closet Pedophile?

The current Pope on Child Rape and Child Porno,21 December 2010 :

In his traditional Christmas address yesterday to cardinals and officials working in Rome, Pope Benedict XVI also claimed that child pornography was increasingly considered “normal” by society.

“In the 1970s, paedophilia was theorised as something fully in conformity with man and even with children,” the Pope said.

“It was maintained — even within the realm of Catholic theology — that there is no such thing as evil in itself or good in itself. There is only a ‘better than’ and a ‘worse than’. Nothing is good or bad in itself.”

I DON’T THINK THE POPE HAS EVER READ HIS CATECHISM.

Los Gatos Priest Beating Case Trial Date Now Changed to June


from the link: http://losgatos.patch.com/articles/los-gatos-priest-beating-case-trial-date-now-changed-to-june

Los Gatos Priest Beating Case Trial Date Now Changed to June

Pretrial motion Friday postponed until May 3, with jury selection taking place May 14 and presentation of evidence June 19.

By Sheila Sanchez April 7, 2012

William Lynch

 

Friday’s scheduled pretrial motions in the case against a San Francisco man accused of beating a priest at the Los Gatos Sacred Heart Jesuit Center in May of 2010 have been postponed until 9 a.m., May 3.

William Lynch, 44, has been arraigned on one count of felony assault with intent to cause great bodily injury and one count of elder abuse under circumstances likely to produce great bodily harm or death. He has pleaded not guilty to both charges.

The scheduled hearing was changed since presiding Santa Clara County Superior Court Judge David Cena is tied up with a homicide trial that is running longer than expected.

The pretrial motions hearing, a time for any legal issue that will arise during the high-profile trial to be addressed by the prosecution and the defense, will be followed by jury selection May 14

The presentation of the evidence is expected to start on or around June 19, instead of the earlier reported date of May 29, said Santa Clara County Deputy District Attorney Gemetti.

Jury selection will be performed using jury questionnaires with potential jurors being called in to court and given the document to fill out and then reviewed by the attorneys.

Counsel will then meet and discuss which jurors need to be questioned for so-called “cause,” necessary in every trial to weed down the full veneer of potential jurors to the 12 jurors and alternates who will sit on the case, explained Gemetti.

Attorneys will question the jurors for any biases or any impediments to sit for “cause,” such as someone having been convicted of a similar crime or who may have a family member working in the DA’s office or law enforcement and their objectivity is compromised.

After the panel has been passed for cause, meaning there are no legal reasons why the jurors can’t sit on the case, each attorney will have 10 pre-emptory challenges that can be exercised and they’ll go back and forth to determine which jurors will be sworn in, Gemetti added.

The proceedings are taking place in Judge Cena’s courtroom, department 34 of the Santa Clara County Hall of Justice in San Jose.

“Once we’ve sworn the jury in … we’re going to stick to that schedule to the best of our abilities,” Gemetti said about the delays in the trial start date. “Obviously trials are fluid and things may change and emergencies do happen, but … once we have those 12 people and they’re told the dates, things won’t change too much.”

The questionnaire presented to the jurors will probably be several pages long containing a list of questions and topics, some inquiries from the court and some submitted by the defense and the prosecution.

Lynch is being represented by Pat Harris and Mark Geragos, with the Los Angeles-based law firm of Geragos & Geragos.

Authorities say he walked into the center’s reception area the afternoon of May 10, 2010 and asked to speak to Father Jerold Lindner. He said he had a death notification about a member of the priest’s family and then allegedly assaulted him.

The case is being closely watched by critics of the Roman Catholic Church who allege Lindner raped and sodomized Lynch and his brother when they were small boys in the ’70s while on camping trips.

If a jury convicts Lynch, he’s could serve a maximum of four years in state prison. The court, however, could grant him probation and give him up to one year in county jail, Gemetti said.

“We have been ready for trial for quite some time,” Gemetti said. “I’m quite anxious to get the matter proceeding.”

Victim Advocates Question Security Around Defrocked Jesuit Brethren


from the link: http://losgatos.patch.com/articles/victims-advocates-question-security-around-defrocked-jesuit-brethren-at-local-center

Victim Advocates Question Security Around Defrocked Jesuit Brethren

Head of Jesuit order says men are under strict supervision at center in Los Gatos.

By Sheila Sanchez January 10, 2011

The main building of the Los Gatos' Sacred Heart Jesuit Center. Credit: Sheila Sanchez

 

The Sacred Heart Jesuit Center in Los Gatos has been in the news lately for all the wrong reasons. One of its defrocked priests was beaten in May 2010. The alleged attacker appeared in court in December and will face a judge on Feb. 7 for a preliminary hearing in a case that will probably go to trial.

Santa Clara County prosecutors are accusing 44-year-old William Lynch of mauling Jesuit priest Jerold Lindner with his fists, said Lynch’s attorney Pat Harris. Lynch has said Lindner sodomized and raped him and his brother as young boys.

Lynch’s supporters, who include members of the Survivors Network of Those Abused by Priests (SNAP), plan a news conference after the hearing at the Santa Clara County Superior Court building on Hedding Street in San Jose and a march in Los Gatos, according to Harris.

The supporters are taking this opportunity to complain about the security measures at the center, which houses Lindner, 65, and five other retired priests or brethren who have faced charges of sexual abuse. They claim the men can leave the compound at any time and that the supervision plans aren’t strict enough.

One of them, Charles Leonard Connor, 89,who was never an ordained priest, pleaded no contest in 2001 to a lewd act on a man who suffered from mental retardation who worked at the center.

The two, along with three other men, whom the order will not identify, live in the large Jesuit compound at 300 College Ave. The center includes a retirement home, an assisted-living facility and a skilled nursing infirmary. Here, 75 elderly priests live out the rest of their lives after serving in the elite order of priesthood in the Roman Catholic Church.

The Rev. John P. McGarry, the provincial of the California Province of the Society of Jesus, said the concerns about the five men who live at the center are exaggerated.

McGarry is head supervisor at the center and leader of the 375 Jesuit priests who work in California.

He said none of the men is under investigation right now.

Connor is housed in the center’s skilled nursing facility, is confined to a wheelchair and has severe dementia, McGarry said. “He’s totally incapacitated,” he said. “Better that we take care of them there than having them be out on their own in the community.”

Lindner, said McGarry, is under a strict security plan that prevents him from leaving the center unsupervised.

“He didn’t drive himself to the hospital,” he said, referring to newspaper reports that said he had done so, which triggered victims’ protests.

He explained that nursing staff at the center attended to him, and that either one of the Jesuits in the community or one of the nurses on duty drove him to the hospital. “He wouldn’t have been able to drive … He was badly beaten up. His head was bleeding,” McGarry said.

Dan McNevin, a San Francisco SNAP volunteer, is skeptical and upset the Catholic Church hasn’t found another location to house clergy charged, accused or investigated of abuse. “Why are they living there and not in a more secure location?” said McNevin.

The deep distrust against the order, McNevin said, is caused by numerous incidents that indicate that the Jesuit hierarchy has covered up incidents to protect the order’s reputation.

“A priest who has abused should be behind bars and not living in a retreat center,” said McNevin.

McGarry has an answer to that. “If I had any concern that the men living here, who have allegations against them and who are on safety plans, were a risk to the larger community or a risk for reoffending, I would not have them living here,” he said.

The Santa Clara County Sheriff’s Office handled the Lynch incident in May because of jurisdiction issues regarding where the center is located. If something were to happen in the center’s parking lot, however, the Los Gatos Monte Sereno police department would step in, said police spokesman Sgt. Kerry Harris. But he said the center has never given the town any problems.

“We’ve never had any issues with them,” Harris said.

For those looking for assurances, McGarry points to the fact that the center has been accredited by the Austin-based Praesidium risk management group, which has established criteria regarding the prevention of and response to sexual abuse of minors by Jesuit authorities. He added that Praesidium had renewed the center’s certification in July 2010.

The five men who live at the center have served at one time or another in Jesuit schools such as Bellarmine College Preparatory, Sacred Heart Nativity School and Most Holy Trinity Parish in San Jose and Santa Clara University in Santa Clara.

McGarry said the order’s policy continues to be to turn over to criminal and civil authorities allegations of priestly misconduct with minors. The province provides pastoral care and counseling to any person that comes forward and makes an allegation of sexual abuse, he said. He said he’s met often with people who have made allegations.

Joey Piscitelli, Northern California director for the Survivors Network for Those Abused by Priests, isn’t buying it. “They have aided, abetted, shuffled, protected and promoted known child rapists for decades, and that’s criminal behavior,” he said.

Piscitelli, who says he was molested by a Salesian priest, won a $5 million settlement award against the order after a jury trial in 2006.

Piscitelli has protested outside the center several times, along with John Chevedden, whose brother, Jesuit priest James Chevedden, killed himself when he jumped from the sixth floor of the Santa Clara County Courthouse’s parking garage in 2005.

Chevedden accused the Jesuits of negligence in his brother’s death and in 2007 and settled with the order for $1.6 million.

He said the Lynch case is another example of how victims of abuse suffer for a long time. “It’s disturbing to see how long-lasting and traumatic the abuse is to the victims … that after 35 years it still has a strong impact,” Chevedden said.

What I also found interesting was one of the comments posted under this article:

Fr. Thomas Smolich, promoted to be the # 1 Jesuit in the USA, said a Jesuit priest and resident at the Los Gatos Center, Fr. James Chevedden committed suicide. The Jesuit Order even issued a news release claiming Fr. Chevedden’s suspicious death was a suicide. Fr. Smolich also told Fr. Chevedden’s family that the Jesuit Order would keep Fr. Chevedden’s body.

Fr. Chevedden had earlier reported to Fr. Smolich that he was the victim of Jesuit sex abuse at Los Gatos by a Jesuit Religious Brother, Br. Charles Connor. Br. Connor and Fr. Jerold Lindner were friends. Lindner helped Br. Connor with computers and both sat at the same small meal table.

Ironically or worse, the last Jesuit to see Fr. Chevedden alive was Fr. Lindner, with $2 million paid out in sex abuse settlements. The Jesuit Order did not tell the police that Fr. Lindner was the last Jesuit to see Fr. Chevedden alive. Fr. Lindner was scheduled to testify about his being the last Jesuit to see Fr. Chevedden alive in a wrongful death lawsuit filed by Fr. Chevedden’s Dad. The Jesuit Order paid $1.6 million to settle the lawsuit. Thus Fr. Lindner avoided explaining his being last Jesuit to see Fr. Chevedden alive.

Vatican approach to child abuse in Ireland absolutely disgraceful, says PM


from the link: http://www.guardian.co.uk/world/2011/jul/14/vatican-child-abuse-ireland?INTCMP=ILCNETTXT3487

Vatican approach to child abuse in Ireland absolutely disgraceful, says PM

Enda Kenny says laws being drawn up making it impossible for anyone to avoid obligation to report abuse allegations

in Dublin
guardian.co.uk, Thursday 14 July 2011 13.52 EDT

Enda Kenny has called on the Vatican to repeat its commitment to always following civil law in matters relating to child abuse. Photograph: Isopix/Rex Features

 

Ireland’s prime minister has denounced the Vatican‘s approach to allegations of child abuse in the republic as absolutely disgraceful.

Enda Kenny said new laws are being drawn up that will make it impossible for anyone – even those high up in the Roman Catholic church – to avoid their obligations regarding reports of child abuse.

“The law of the land should not be stopped by crosier, or by collar,” Kenny said.

He added that he hopes the response from the Irish government to the Cloyne report will clarify to everyone that the law of the land applies in situations where appalling actions took place.

Kenny called on the Vatican to repeat its commitment that civil law should always be followed. The Irish Catholic church and the Vatican have faced severe criticism over repeated attempts to deal with incidents of abuse behind closed doors rather than by handing over suspects to the Garda Síochána.

The Irish deputy prime minister and foreign minister, Eamon Gilmore, met with the Vatican’s ambassador to Ireland to discuss the report’s findings.

“There’s one law in this country. Everybody is going to have to learn to comply with it. The Vatican will have to comply with the laws of this country,” Gilmore said after the meeting.

Gilmore said the report would be debated in the House next Tuesday or Wednesday, depending on the availability of ministers and spokespersons.

He said the failure of the church to co-operate with the law was one of the greatest problems and that the coalition government was determined that there would be consequences for any institution which failed to work with the legal authorities of the state when it came to child abuse.

The Socialist party’s Joe Higgins said people were “throwing their hands in the air” at the revelations in the Cloyne report.

Catholic church weighs up response to criticism from Ireland


from the link: http://www.guardian.co.uk/world/2011/jul/29/catholic-church-response-criticism-ireland?INTCMP=ILCNETTXT3487

Catholic church weighs up response to criticism from Ireland

Vatican officials claim Enda Kenny may be using report into sexual abuse by priests to divert attention from euro crisis

in Rome
guardian.co.uk, Friday 29 July 2011 12.41 EDT

Pope Benedict XVI fears further fracturing of the Catholic church in Europe. Photograph: Riccardo De Luca/AP

 

Next month, as every year since he was chosen to lead the world’s Roman Catholics, the scholarly Pope Benedict XVI will preside at a meeting of his Schülerkreis — a group of his former doctoral students.

This year, the issue for debate in the pontifical summer palace, overlooking a volcanic lake near Rome, is the one he was elected to tackle: how to reverse the galloping secularisation of Catholicism‘s European homeland.

The discussion could scarcely be more timely, coming in the midst of a crisis in relations between the Holy See and Ireland, a country where, until a few years ago, official defiance of Rome was unthinkable.

The reaction in the Vatican to Enda Kenny’s impassioned denunciation on 20 July has been one of astonishment. But, as the Holy See’s temporary recall of its ambassador, or nuncio, five days later showed, it is also laced with indignation.

The pope’s deputy spokesman, Father Ciro Benedettini, gave the move a positive gloss, saying the Holy See needed the nuncio back in Rome so it could frame its reply to the Cloyne report “with objectivity and determination”. But his temporary withdrawal also reflected what Benedettini tactfully called “surprise and disappointment over some excessive reactions”.

In diplomacy, the recall of an envoy for consultations is a clear signal of disapproval and L’Avvenire, the newspaper of the Italian bishops’ conference, was unable to find a precedent for it in the vast annals of Vatican diplomacy.

The pope’s aides feel they have been unfairly attacked, and some suspect a political motive. One high-ranking cleric who spoke on condition of anonymity noted Ireland was caught up in the euro crisis and speculated that Kenny might have been seeking to distract public opinion.

Others stressed the Vatican response, promised by the end of August, would seek to heal the breach. But the signs this week were that it would also include a vigorous defence of the Vatican’s position.

No one in Rome disputes that allegations of the sexual abuse of minors in the Cloyne diocese were grossly mishandled by the bishop, John Magee. But Vatican officials argue they are being pilloried for the actions of a pastor who disregarded their instructions.

Ireland’s prime minister claimed that judge Yvonne Murphy’s report contained evidence of an “attempt by the Holy See to block an enquiry … less than three years ago”.

Vatican officials say they can find no such evidence. What the report does contain, they say, is criticism of the papal bureaucracy’s actions 14 years ago. In 1997, the Congregation for the Clergy, the department responsible for the priesthood, sent a message to the Irish bishops criticising their attempts to create a framework for dealing with sex abuse cases.

In particular, it objected to a clause that went beyond the requirements of Irish law at the time and proposed that: “In all instances where it is known or suspected that a priest … has sexually abused a child, the matter should be reported to the civil authorities.” The Vatican said that could be at odds with the church’s own laws.

Murphy’s commission concluded that Rome’s objections gave individual bishops – including Magee – freedom to ignore the bishops’ guidelines. But speaking on Vatican Radio on 19 July, the pope’s spokesman, Father Federico Lombardi, argued there was “no reason to interpret the letter as aimed at hiding cases of abuse. In fact, it was warning of the risk of taking measures that could then turn out to be challengeable or invalid from a canonical point of view”.

In any case, say other Vatican officials, even if the Congregation’s response was misguided, it was made before 2001. That is when, in their view, there was a sea change.

Pope John Paul II ordered all cases of alleged sex abuse to be dealt with in Rome by the department then headed by Cardinal Joseph Ratzinger, as he was known then. As he read the paperwork, the future pope became increasingly appalled by what he saw, and put in place an altogether more effective policy. “Not to recognise that there has been a learning curve and that things have changed is stupid”, said a senior Vatican official.

That may not be the whole story, however. In an interview with the website Vatican Insider, the archbishop of Dublin, Diarmuid Martin, said he believed Kenny was not only referring to the 1997 exchange, but also “to interactions – which I was unaware of – which took place with the Vatican while the Cloyne report was being prepared”. He did not elaborate.

• This article was amended on 2 August 2011. In the original Diarmuid Martin was described as also having the status of cardinal. This has been corrected.